Una questione di pelle

Per pulire e riparare al meglio ogni genere di articolo in pelle
è fondamentale riconoscere i diversi pellami,
in modo da poter intervenire nel modo giusto sui diversi tipi di rifinizione.

Scopri le tipologie di pellame

ANILINA (detta anche naturale)

La superficie di questa pelle viene tinta con coloranti trasparenti. Tale effetto di trasparenza è simile a quello che si nota guardando un pezzo di legno colorato, dove il colore non copre, ma valorizza i nodi e le venature naturali del legno. Infatti il fiore resta naturale e ben visibile. La pelle anilina avrà quindi delle imperfezioni: sono la firma della natura stessa e la garanzia che ogni pelle è unica. Pelli di questo tipo hanno soltanto una minima copertura superficiale, pertanto risultano essere le più sensibili agli effetti dell’usura. Per mantenere tale bellezza naturale è assolutamente necessario effettuare una costante opera di pulizia e protezione della pelle, sin dal primo utilizzo.
Caratteristiche: Aspetto naturale – Ottima mano – Fiore e piccoli difetti naturali – Molto morbida e traspirante

Scopri le tipologie di pellame

ANILINA (detta anche naturale)

La superficie di questa pelle viene tinta con coloranti trasparenti. Tale effetto di trasparenza è simile a quello che si nota guardando un pezzo di legno colorato, dove il colore non copre, ma valorizza i nodi e le venature naturali del legno. Infatti il fiore resta naturale e ben visibile. La pelle anilina avrà quindi delle imperfezioni: sono la firma della natura stessa e la garanzia che ogni pelle è unica. Pelli di questo tipo hanno soltanto una minima copertura superficiale, pertanto risultano essere le più sensibili agli effetti dell’usura. Per mantenere tale bellezza naturale è assolutamente necessario effettuare una costante opera di pulizia e protezione della pelle, sin dal primo utilizzo.
Caratteristiche: Aspetto naturale – Ottima mano – Fiore e piccoli difetti naturali – Molto morbida e traspirante

SEMI ANILINA

Questo tipo di pelle è coperta da una rifinizione leggermente pigmentata, per rendere il colore più uniforme e nascondere piccoli difetti. Per ricostruire l’aspetto naturale della pelle, vengono poi spruzzati colori brillanti e trasparenti. Questo rivestimento fornisce una protezione molto leggera, pertanto è consigliata l’applicazione di Leather Protector.
Caratteristiche: Superficie dal fiore naturale – Buona mano ed aspetto – Migliore resistenza alla luce rispetto alle pelli aniline pure – Maggiore praticità rispetto alle pelli aniline pure – Traspirante

SEMI ANILINA

Questo tipo di pelle è coperta da una rifinizione leggermente pigmentata, per rendere il colore più uniforme e nascondere piccoli difetti. Per ricostruire l’aspetto naturale della pelle, vengono poi spruzzati colori brillanti e trasparenti. Questo rivestimento fornisce una protezione molto leggera, pertanto è consigliata l’applicazione di Leather Protector.
Caratteristiche: Superficie dal fiore naturale – Buona mano ed aspetto – Migliore resistenza alla luce rispetto alle pelli aniline pure – Maggiore praticità rispetto alle pelli aniline pure – Traspirante

PIGMENTATA

Questa pelle è rifinita con la tecnica di rifinizione più diffusa, che rende uniforme la superficie della pelle grazie all’applicazione di un fondo di pigmenti e resine, seguito da una copertura protettiva. La pelle così rifinita si può riconoscere dal colore coprente ed uniforme. Questo tipo di pelle è ideale per articoli di largo consumo come mobili o interni auto, soprattutto se volete che i vostri figli li usino senza troppi problemi! È facile mantenere intatte le proprietà di questi pellami con l’aiuto dei prodotti per la cura della pelle di FENICE. Se si presentasse la necessità di un restauro è possibile ritingere completamente l’articolo.
Caratteristiche: Colore coprente – Ottima resistenza alla luce – Buona copertura dei difetti – Facile manutenzione

PIGMENTATA

Questa pelle è rifinita con la tecnica di rifinizione più diffusa, che rende uniforme la superficie della pelle grazie all’applicazione di un fondo di pigmenti e resine, seguito da una copertura protettiva. La pelle così rifinita si può riconoscere dal colore coprente ed uniforme. Questo tipo di pelle è ideale per articoli di largo consumo come mobili o interni auto, soprattutto se volete che i vostri figli li usino senza troppi problemi! È facile mantenere intatte le proprietà di questi pellami con l’aiuto dei prodotti per la cura della pelle di FENICE. Se si presentasse la necessità di un restauro è possibile ritingere completamente l’articolo.
Caratteristiche: Colore coprente – Ottima resistenza alla luce – Buona copertura dei difetti – Facile manutenzione

NUBUCK (detta anche Scamosciato)

Questa tipologia di pelle è in realtà pelle anilina con una superficie smerigliata che conferisce un piacevole aspetto vellutato. L’aspetto e la mano di queste pelli sono eccezionali, ma sono maggiormente adatte ad un utilizzo non frequente.Per mantenere intatte le caratteristiche del nubuck è importante effettuare una continua azione di protezione e pulizia sin dal primo utilizzo. FENICE ha ideato una linea di prodotti specifici per la cura di pelli nubuck. E’ importante utilizzare su queste pelli esclusivamente prodotti specializzati per la manutenzione del nubuck.
Caratteristiche: Aspetto e tatto vellutato – Molto morbida, calda e naturale – Soffice e traspirante

NUBUCK (detta anche Scamosciato)

Questa tipologia di pelle è in realtà pelle anilina con una superficie smerigliata che conferisce un piacevole aspetto vellutato. L’aspetto e la mano di queste pelli sono eccezionali, ma sono maggiormente adatte ad un utilizzo non frequente.Per mantenere intatte le caratteristiche del nubuck è importante effettuare una continua azione di protezione e pulizia sin dal primo utilizzo. FENICE ha ideato una linea di prodotti specifici per la cura di pelli nubuck. E’ importante utilizzare su queste pelli esclusivamente prodotti specializzati per la manutenzione del nubuck.
Caratteristiche: Aspetto e tatto vellutato – Molto morbida, calda e naturale – Soffice e traspirante

PULL UP (detta anche Cerato)

Le mode cambiano con il passare del tempo, ma le pelli cerate e oleate restano un “classico” intramontabile. Il termine “pull up” è stato inizialmente coniato per descrivere l’effetto ottenuto su pelli anche dette “Timberland”, dal nome del famoso produttore di calzature che ha reso famoso tale articolo. Queste pelli schiariscono quando vengono tirate o piegate. Caratteristiche: Aspetto e tatto molto buoni – Effetto moda – Tipico effetto schiarente se la pelle viene tirata o piegata

PULL UP (detta anche Cerato)

Le mode cambiano con il passare del tempo, ma le pelli cerate e oleate restano un “classico” intramontabile. Il termine “pull up” è stato inizialmente coniato per descrivere l’effetto ottenuto su pelli anche dette “Timberland”, dal nome del famoso produttore di calzature che ha reso famoso tale articolo. Queste pelli schiariscono quando vengono tirate o piegate. Caratteristiche: Aspetto e tatto molto buoni – Effetto moda – Tipico effetto schiarente se la pelle viene tirata o piegata

BYCAST

Queste pelli sono ottenute con un sistema completamente diverso di rifinizione, che permette di nobilitare la pelle (di solito una crosta o una pelle pesantemente smerigliata) mantenendone invariati lo spessore e la morbidezza. Questa tecnica consiste nel creare un film di rifinizione su un supporto continuo di carta release, sul quale viene poi applicato un adesivo. Il film di rifinizione viene quindi pressato sulla pelle che è poi rimossa dalla carta release. La superficie della pelle risulta ora perfettamente uniforme e rifinita. Spesso, tirando la pelle bycast si può notare un colore più chiaro che ritorna al colore originale una volta che la pressione applicata sulla pelle scompare. Questo può essere un metodo per identificare pelli bycast, stando attenti a non confonderle con pelli Pull-up
Caratteristiche: Superficie durevole – Aspetto uniforme

BYCAST

Queste pelli sono ottenute con un sistema completamente diverso di rifinizione, che permette di nobilitare la pelle (di solito una crosta o una pelle pesantemente smerigliata) mantenendone invariati lo spessore e la morbidezza. Questa tecnica consiste nel creare un film di rifinizione su un supporto continuo di carta release, sul quale viene poi applicato un adesivo. Il film di rifinizione viene quindi pressato sulla pelle che è poi rimossa dalla carta release. La superficie della pelle risulta ora perfettamente uniforme e rifinita. Spesso, tirando la pelle bycast si può notare un colore più chiaro che ritorna al colore originale una volta che la pressione applicata sulla pelle scompare. Questo può essere un metodo per identificare pelli bycast, stando attenti a non confonderle con pelli Pull-up
Caratteristiche: Superficie durevole – Aspetto uniforme

Riconoscere la pelle

Sai riconoscere i tipi di pellame?

Ci sono innumerevoli modi di rifinire le pelli e nei laboratori Fenice il personale addetto alla Ricerca e Sviluppo lavora senza sosta alla creazione di tecnologie innovative e di nuovi effetti moda. Un’identificazione di base è comunque facilissima da effettuare: basta usare un dito e qualche goccia d’acqua.

Segui il nostro semplice test!

Riconoscere la pelle

Sai riconoscere i tipi di pellame?

Ci sono innumerevoli modi di rifinire le pelli e nei laboratori Fenice il personale addetto alla Ricerca e Sviluppo lavora senza sosta alla creazione di tecnologie innovative e di nuovi effetti moda. Un’identificazione di base è comunque facilissima da effettuare: basta usare un dito e qualche goccia d’acqua.

Segui il nostro semplice test!

Lavorazione in Conceria

Qualità e prezzo dei pellami

Perché esiste tanta differenza di prezzo tra una tipologia di pelle ed un’altra? Tutto dipende dalla quantità di segni naturali presenti sulla pelle al momento della macellazione. Va detto che pelli totalmente esenti da segni naturali sono rarissime e per questo veramente costose.

Animali provenienti da allevamenti protetti e controllati     ❯    Pellami più uniformi, rari e costosi

Animali allevati allo stato brado           Pellami con segni naturali, meno costosi

Paesi d’Origine

Alcuni paesi hanno un’industria di allevamento di bestiame molto fiorente. La pelle è sempre un prodotto secondario dell’industria della carne, non si avrebbe nessuna convenienza ad abbattere un capo solo per la pelle. Attualmente il Sud America è il primo produttore al mondo di carne e quindi di pelle.

I maggiori allevatori di pelle sono:

EUROPA   |   USA   |   AUSTRALIA   |   NUOVA ZELANDA   |   RUSSIA   |   BRASILE

Lavorazione in Conceria

Qualità e prezzo dei pellami

Perché esiste tanta differenza di prezzo tra una tipologia di pelle ed un’altra? Tutto dipende dalla quantità di segni naturali presenti sulla pelle al momento della macellazione. Va detto che pelli totalmente esenti da segni naturali sono rarissime e per questo veramente costose.

Animali provenienti da allevamenti protetti e controllati     ❯    Pellami più uniformi, rari e costosi

Animali allevati allo stato brado           Pellami con segni naturali, meno costosi

Paesi d’Origine

Alcuni paesi hanno un’industria di allevamento di bestiame molto fiorente. La pelle è sempre un prodotto secondario dell’industria della carne, non si avrebbe nessuna convenienza ad abbattere un capo solo per la pelle. Attualmente il Sud America è il primo produttore al mondo di carne e quindi di pelle.

I maggiori allevatori di pelle sono:

EUROPA   |   USA   |   AUSTRALIA   |   NUOVA ZELANDA   |   RUSSIA   |   BRASILE

Questi sono i segni naturali che si trovano più frequentemente negli animali:

FASE 1: Il Calcinaio

Le pelli dopo la macellazione vengono conservate mediante salatura

  • Le pelli grezze sono poi lavate con acqua per togliere la sporcizia naturale
  • Viene anche ripristinato il contenuto originale di acqua, pari al 65%
  • Durante il processo di calcinazione sono eliminati i grassi ed altre sostanze naturali inutili

FASE 2: La Spaccatura

Lama di macchina spaccatrice

Utilizzando una lama in movimento, si seziona la pelle orizzontalmente (come un panino) dividendola in due parti: il fiore (la parte più esterna dove c’era il pelo) e la crosta (la parte più interna)

Sezione di una pelle bovina

Si noti che le fibre del fiore sono molto più compatte rispetto alla crosta: per questo motivo il fiore ha una morbidezza maggiore, è più resistente allo strappo e molto più pregiato.

FASE 3: La Concia

  • Lo scopo della concia è di preservare la pelle nel tempo evitandone la decomposizione.
  • La concia può avvenire tramite diversi concianti, il più diffuso è il cromo, che conferisce alle pelli un colore azzurrino; per questo motivo le pelli conciate vengono chiamate “wet blue”

FASE 4: La Tintura

  • La pelle viene immersa in coloranti penetranti che colorano sia la superficie che la sezione della pelle.

FASE 5: La Scelta

Le pelli vengono selezionate in base alla presenza di caratteristiche naturali e destinate a diverso utilizzo, inoltre per pulire e riparare al meglio ogni genere di articolo in pelle è fondamentale riconoscere i diversi pellami, in modo da poter intervenire nel modo giusto sui diversi tipi di rifinizione.

Aniline
Semi Aniline
Cerati
Scamosciati
Pigmentate
Bycast

FASE 6: La Stuccatura

Solo per pelli pigmentate

  • Dato che quasi tutte le pelli presentano un certo numero di segni naturali a volte sgraditi alla clientela, per eliminarli è necessario riempirli e poi asportare parte del fiore

  • Il riempimento viene fatto con una pasta bianca chiamata stucco per pelli

FASE 7: La Smerigliatura

  • Si asporta poi mediante carta abrasiva la parte superiore del fiore in modo da spianare la superficie e rimuovere i principali segni naturali.

  • Le pelli che NON sono state smerigliate sono più pregiate e si definiscono PELLI PIENO FIORE
  • Le Pelli che sono state stuccate e carteggiate si definiscono PELLI SMERIGLIATE

FASE 8: La Rifinizione

  1. Fondo colorato con pigmenti per coprire tutti i difetti e creare una colorazione uniforme
  2. Stampa con una piastra calda o un cilindro per dare la grana desiderata e nascondere ulteriormente le caratteristiche naturali molto evidenti
  3. Fissativo trasparente per bloccare il trasferimento di colore, proteggere la pelle e darle il tatto e l’opacità desiderati.

FASE 9: La Protezione

  1. Il fissativo protegge il divano dalle macchie
  2. Il fissativo evita il trasferimento di colore ai vestiti
  3. L’uso di pulitori aggressivi (es alcool o saponi) rimuove il fissativo, danneggiando irreparabilmente il divano
  4. Una volta rimosso il fissativo il divano pare pulito ma risulterà appiccicoso e cederà il colore ai vestiti
  5. E’ importante proteggere il fissativo con il “Leather Protector” prima di iniziare ad usare il divano.

Pelle Bycast

La pelle Bycast

  1. Si crea un film di poliuretano su una striscia di carta prestampata
  2. Il film è creato invertendo le normali procedure di rifinizione: prima il fissativo, poi il fondo colorato
  3. L’uso di pulitori aggressivi (es alcool o saponi) rimuove il fissativo, danneggiando irreparabilmente il divano
  4. Una volta che il film si è asciugato, viene incollato sopra una crosta, creando le pelli Bycast

FASE 1: Il Calcinaio

Le pelli dopo la macellazione vengono conservate mediante salatura

  • Le pelli grezze sono poi lavate con acqua per togliere la sporcizia naturale
  • Viene anche ripristinato il contenuto originale di acqua, pari al 65%
  • Durante il processo di calcinazione sono eliminati i grassi ed altre sostanze naturali inutili

FASE 2: La Spaccatura

Lama di macchina spaccatrice

Utilizzando una lama in movimento, si seziona la pelle orizzontalmente (come un panino) dividendola in due parti: il fiore (la parte più esterna dove c’era il pelo) e la crosta (la parte più interna)

Sezione di una pelle bovina

Si noti che le fibre del fiore sono molto più compatte rispetto alla crosta: per questo motivo il fiore ha una morbidezza maggiore, è più resistente allo strappo e molto più pregiato.

FASE 3: La Concia

  • Lo scopo della concia è di preservare la pelle nel tempo evitandone la decomposizione.
  • La concia può avvenire tramite diversi concianti, il più diffuso è il cromo, che conferisce alle pelli un colore azzurrino; per questo motivo le pelli conciate vengono chiamate “wet blue”

FASE 4: La Tintura

  • La pelle viene immersa in coloranti penetranti che colorano sia la superficie che la sezione della pelle.

FASE 5: La Scelta

Le pelli vengono selezionate in base alla presenza di caratteristiche naturali e destinate a diverso utilizzo, inoltre per pulire e riparare al meglio ogni genere di articolo in pelle è fondamentale riconoscere i diversi pellami, in modo da poter intervenire nel modo giusto sui diversi tipi di rifinizione.

Aniline
Semi Aniline
Cerati
Scamosciati
Pigmentate
Bycast

FASE 6: La Stuccatura

Solo per pelli pigmentate

  • Dato che quasi tutte le pelli presentano un certo numero di segni naturali a volte sgraditi alla clientela, per eliminarli è necessario riempirli e poi asportare parte del fiore

  • Il riempimento viene fatto con una pasta bianca chiamata stucco per pelli

FASE 7: La Smerigliatura

  • Si asporta poi mediante carta abrasiva la parte superiore del fiore in modo da spianare la superficie e rimuovere i principali segni naturali.

  • Le pelli che NON sono state smerigliate sono più pregiate e si definiscono PELLI PIENO FIORE
  • Le Pelli che sono state stuccate e carteggiate si definiscono PELLI SMERIGLIATE

FASE 8: La Rifinizione

  1. Fondo colorato con pigmenti per coprire tutti i difetti e creare una colorazione uniforme
  2. Stampa con una piastra calda o un cilindro per dare la grana desiderata e nascondere ulteriormente le caratteristiche naturali molto evidenti
  3. Fissativo trasparente per bloccare il trasferimento di colore, proteggere la pelle e darle il tatto e l’opacità desiderati.

FASE 9: La Protezione

  1. Il fissativo protegge il divano dalle macchie
  2. Il fissativo evita il trasferimento di colore ai vestiti
  3. L’uso di pulitori aggressivi (es alcool o saponi) rimuove il fissativo, danneggiando irreparabilmente il divano
  4. Una volta rimosso il fissativo il divano pare pulito ma risulterà appiccicoso e cederà il colore ai vestiti
  5. E’ importante proteggere il fissativo con il “Leather Protector” prima di iniziare ad usare il divano.

Pelle Bycast

La pelle Bycast

  1. Si crea un film di poliuretano su una striscia di carta prestampata
  2. Il film è creato invertendo le normali procedure di rifinizione: prima il fissativo, poi il fondo colorato
  3. L’uso di pulitori aggressivi (es alcool o saponi) rimuove il fissativo, danneggiando irreparabilmente il divano
  4. Una volta che il film si è asciugato, viene incollato sopra una crosta, creando le pelli Bycast

Dal mobilificio al tuo salotto

La seduzione di forme e colori.

Scopri come nasce un divano.

Quando portiamo a casa il divano nuovo, ne ammiriamo il colore, la forma e la comodità. Avete mai pensato a quanto impegno e quanta cura sono necessari per realizzare un divano con le caratteristiche che tutti apprezziamo?

Brevemente vorremmo farvi conoscere le fasi principali della lavorazione di un divano a partire dal taglio delle pelli, alla cucitura delle stesse ed infine all’assemblaggio del divano completo.

Dal mobilificio al tuo salotto

La seduzione di forme e colori.

Scopri come nasce un divano.

Quando portiamo a casa il divano nuovo, ne ammiriamo il colore, la forma e la comodità. Avete mai pensato a quanto impegno e quanta cura sono necessari per realizzare un divano con le caratteristiche che tutti apprezziamo?

Brevemente vorremmo farvi conoscere le fasi principali della lavorazione di un divano a partire dal taglio delle pelli, alla cucitura delle stesse ed infine all’assemblaggio del divano completo.

Taglio manuale

Il taglio rappresenta la prima fase e la più delicata nel processo produttivo del divano. Dopo che sono state segnate le parti “non conformi”, sulla pelle o tessuto vengono posizionate le “dime”, ossia i modelli da cui si ottengono i vari “pezzi”. In questa fase il tagliatore esprime al massimo la sua abilità nel costruire un vero e proprio “puzzle” per tagliare al meglio la pelle o il tessuto evitando le zone non conformi, ma allo stesso tempo sfruttando la maggior superficie possibile.

Taglio manuale

Il taglio rappresenta la prima fase e la più delicata nel processo produttivo del divano. Dopo che sono state segnate le parti “non conformi”, sulla pelle o tessuto vengono posizionate le “dime”, ossia i modelli da cui si ottengono i vari “pezzi”. In questa fase il tagliatore esprime al massimo la sua abilità nel costruire un vero e proprio “puzzle” per tagliare al meglio la pelle o il tessuto evitando le zone non conformi, ma allo stesso tempo sfruttando la maggior superficie possibile.

Taglio computerizzato

Il taglio al computer rappresenta la nuova frontiera. Per mezzo di uno scanner la macchina esegue automaticamente il taglio di ogni singola pelle o pezza di tessuto riducendo al massimo lo scarto. Anche in questo caso si sfrutta la maggior superficie possibile sempre evitando le zone non conformi.

Taglio computerizzato

Il taglio al computer rappresenta la nuova frontiera. Per mezzo di uno scanner la macchina esegue automaticamente il taglio di ogni singola pelle o pezza di tessuto riducendo al massimo lo scarto. Anche in questo caso si sfrutta la maggior superficie possibile sempre evitando le zone non conformi.

La cucitura

Dopo essere stati tagliati, la pelle o il tessuto sono cuciti per mezzo di speciali macchine in grado di perforare la pelle senza danneggiarla. Le nuove strumentazioni computerizzate sono in grado di eseguire un controllo della perfetta linearità delle cuciture, molto importante per la presentazione del divano finito.

La cucitura

Dopo essere stati tagliati, la pelle o il tessuto sono cuciti per mezzo di speciali macchine in grado di perforare la pelle senza danneggiarla. Le nuove strumentazioni computerizzate sono in grado di eseguire un controllo della perfetta linearità delle cuciture, molto importante per la presentazione del divano finito.

L’assemblaggio del divano

A questo punto la pelle (o il tessuto) viene “montata” sul fusto in legno che andrà a costituire lo scheletro del divano. Questo scheletro era stato precedentemente preparato con la “messa in bianco”, fase in cui il fusto viene ricoperto da un sottile strato di gomma. Dopo queste importanti operazioni, è l’esperienza di abili maestri tappezzieri che completa l’opera dell’assemblaggio finale.

L’assemblaggio del divano

A questo punto la pelle (o il tessuto) viene “montata” sul fusto in legno che andrà a costituire lo scheletro del divano. Questo scheletro era stato precedentemente preparato con la “messa in bianco”, fase in cui il fusto viene ricoperto da un sottile strato di gomma. Dopo queste importanti operazioni, è l’esperienza di abili maestri tappezzieri che completa l’opera dell’assemblaggio finale.

Contattaci

Per qualsiasi necessità è possibile inviare una mail ad info@fenice.care
oppure utilizzare il modulo sottostante

Contattaci

Per qualsiasi necessità è possibile inviare una mail ad info@fenice.care
oppure utilizzare il modulo sottostante